Articoli filtrati per data: Febbraio 2015
Martedì, 17 Febbraio 2015 23:39

Perché servirsi di un assicuratore.

La natura della vita cosciente di ogni essere senziente è fatta della nascita di bisogni e nella loro soddisfazione. Tutti i risultati dell'evoluzione in ogni sua forma vengono dalla necessità di risolvere un problema e, quando se ne risolve uno, ne spuntano a catena, come rami di un albero, altri più o meno complessi. Acceso il fuoco puoi chiederti, per esempio, quale sia il tempo di cottura dell'animale appena cacciato. Appena capito che è meglio vivere al coperto, puoi chederti in quanti si può viverci sotto prima di soffrire per la puzza. Quando ti accorgi che il cellulare è meglio del telefono fisso, non sai quale utilizzare se chiami qualcuno da casa. Il problema è nella natura umana, c'è poco da fare!

E meno male!

Perché niente di quello che oggi conosciamo, utile o meno utile, morale e immorale, gradevole o meno... esisterebbe se non per il bisogno di qualcuno il qualche parte del mondo in un momento qualsiasi. Se qualcuno non si fosse posto il problema di conoscere lo spazio sopra di noi, non avremmo assistito a migliaia di scoperte e invenzioni. Senza il bisogno di comunicare, non ci sarebbero il telefono, la posta, internet...

La guerra nasce da un bisogno, la pace nasce da un bisogno, l'omicidio nasce da un bisogno, salvare la vita a qualcuno nasce da un bisogno. Bisogni buoni e bisogni cattivi? Forse si, forse no, sicuramente è sbagliato il modo in cui si punta a soddisfarli.

Oggi non mi interessa indagare il grado di moralità delle conseguenze di un problema, mi interessa, invece, capire l'utilità dello svolgimento, del modo in cui essi si risolvono. Torniamo un attimo sui banchi di scuola, la maestra assegna tre problemi, tutti uguali, c'è chi per capire e imparare dovrà farne uno, chi due, chi tutti e tre e chi l'indomani li copierà per incapacità o noia. Per lo studente più sveglio il secondo e il terzo sono inutili, avrebbe potuto tranquillamente saltarli senza riportare conseguenze. Quindi esistono problemi il cui svolgimento non comporta un effetto positivo per il risolutore o almeno l'effetto positivo sperato e voluto. Se la maestra fosse stata migliore, allo studente sveglio avrebbe assegnato solo il problema numero uno e non gli avrebbe fatto perdere del tempo a risolvere (meccanicamente) il secondo e il terzo, sottraendolo ai problemi delle altre materie.

Quando il bisogno è stato soddisfatto, occuparsene ancora è inutile e dannoso in termini di tempo.
La vita di un essere umano è un insieme grande, ma limitato, di bisogni, a ciascuno dei quali egli deve dedicare un certo quantitativo di tempo. Deve lavorare, per guadagnare. Deve risparmiare, per assicurare un futuro e se stesso e a propri cari. Deve comprare beni e servizi, per piacere o per necessità. Ci sono doveri piacevoli e doveri spiacevoli. Lavorare può essere bello, se si ha la fortuna di poter svolgere il lavoro che si vuole. Un'uscita di denaro può essere piacevole, quando il sacrificio coincide o è inferiore al beneficio. Tuttavia, credo di poter affermare che, nella maggior parte dei casi e per la maggior parte degli individui, sono più i problemi che nascondono aspetti sgradevoli, rispetto a quelli che rappresentano opportunità per un benessere maggiore. Avere al proprio fianco un consulente assicurativo fidato, preparato e consapevole, può voler dire risolvere, in modo quasi indolore, i problemi che comporta la soddisfazione dei bisogni.

 

Fonte: #megliolapolizzaoggi

Pubblicato in News

Dopo il boom di vendite a gennaio (+10%), arriva il calo del costo delle polizze (-6%) che rende più convenienti gli acquisti di nuove vetture. In ripresa anche il mercato delle moto e degli pneumatici. L'ottimismo di Marchionne.

Per il mercato dell'auto è forse arrivato il momento della ripresa? Pochi indizi non costituiscono una prova, ma i segnali in controtendenza stanno cominciando ad accumularsi con maggiore frequenza. E pur con tutta la prudenza del caso, il fenomeno va analizzato con attenzione. Perché non si tratta solo di un aumento delle auto nuove vendute dai concessionari. I fattori positivi riguardano anche i consumatori, l'industria e la stampa internazionale, che a sua volta si sta interrogando su quanto accade in Italia. "Il 2015, se ce lo giochiamo bene, sarà un grande anno", ha commentato Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat chrysler automobiles. "Dopo sei-sette anni di mercati distrutti, di gente che non trovava lavoro, il 2015 finalmente sarà l'anno in cui ricomincia il ciclo economico. Bisogna stare molto attenti a non giocarcelo male", ha aggiunto il manager italo-canadese, elogiando il governo Renzi: "Ha fatto in 11 un mesi quello che non è stato fatto in anni interi".

L'ultima notizia positiva arriva proprio dalle fabbriche Fiat, ora Fca (Fiat Chrysler Automotive), dopo la fusione delle attività italiane della famiglia Agnelli con quelle americane di Detroit. Ebbene, Fca ha annullato la cassa integrazione prevista nello stabilimento di Pomigliano a partire dal prossimo 23 febbraio. Il motivo? Lo stabilimento deve essere in grado di soddisfare l'aumento di richieste della Panda. Non solo: secondo quanto comunicato dal sindacato - per una volta non ai ferri corti con l'amministratore delegato Sergio Marchionne - si lavorerà anche al sabato. In particolare, il 14, 21 e 28 febbraio, ma solo nel primo turno. Lo ha annunciato Raffaele Apetino, segretario regionale per il settore auto della Fim Campania, il quale ha sottolinea come si tratti di "una notizia sicuramente positiva, segno di una ripresa del mercato".

Del resto, la rinascita di Pomigliano fa il paio con i dati comunicati dal ministero dei Trasporti per il primo mese dell'anno. A gennaio, il mercato delle auto nuove è partito col botto: la motorizzazione ha immatricolato 131.385 vetture, con un +10,91% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso, molte meglio del +2,8% registrato nello scorso dicembre. Un aumento di cui ha beneficiato proprio Fca che ha fatto meglio del mercato: a gennaio, le consegne sono state 37.191, l'11,38% in più dello stesso mese del 2014. La quota totale in Italia del gruppo è così salita al 28,31%

Qualche ragione di ottimismo arriva anche dall'Acea, l'associazione delle case automobilistiche europee che vede uno spiraglio di luce per quanto permangano "incertezze economiche in molti paesi". Nel 2015, secondo Acea, le immatricolazioni cresceranno del 2% in Europa, per avvicinarsi ai 13 milioni di veicoli. Nel 2014, ha ricordato il presidente dell'associazione Carlos Ghosn, le immatricolazioni di autovetture nuove ha registrato +5,7% con 12,6 milioni di unità, "il primo risultato annuale positivo dall'inizio della crisi nel 2007".

Non sembra da meno nemmeno il mercato delle due ruote, che in Italia è cresciuto a gennaio del 2,6% rispetto allo stesso mese 2014: in aumento le vendite sia delle moto sia degli scooter, mentre i 'cinquantini" sono ancora difficoltà. Secondo i dati di Confindustria Ancma, le moto hanno visto 3.806 immatricolazioni (+7,4%), gli scooter 5.408 vendite (+6,3%), mentre per i 'cinquantini' soltanto 1.362 registrazioni (-18,8%).

Infine, fra i segnali positivi va citato anche un passaggio dell'ultimo comunicato di Assogomma, l'associazione degli industriali del settore, che ha evidenziato "un leggero recupero del settore pneumatici che comunque ha saputo limitare dall'inizio della crisi le perdite intorno al 15/20% contro un -40% del mercato delle auto nuove".

Ad alimentare la ripresa potrebbero contribuire le assicurazione RcAuto, i cui prezzi medi sono in calo, merito in parte della sempre maggiore diffusione delle polizze on line. Secondo l'ultima rilevazione condotta dall'Ania (l'associazione che raggruppa le maggiori compagnie), nella media del 2014 il prezzo delle polizze è diminuito del 6% rispetto alla media del 2013, passando da 437 a 411 euro per veicolo (tasse escluse). In due anni, sempre secondo Ania, i prezzi medi delle polizze si sono ridotti del 10%.

"I costi sono in calo dal novembre 2012 - si legge nella nota appena pubblicata dall'associazione - in contrapposizione a quanto è avvenuto in tutti gli altri paesi europei". I Motivi? Secondo Ania, ci sarebbero il prolungarsi della crisi economica che ha limitato l'utilizzo delle auto e diminuito di fatto la frequenza dei sinistri ma anche, la maggiore competitività delle imprese che permette ai consumatori di scegliere l'offerta più conveniente. In buona sostanza, ci sarebbe finalmente un po' di sana concorrenza tra le compagnie da sempre accusate di far pagare le polizze più alte del vecchio Continente.

Accusa confermata subito dopo la pubblicazione dei dati Ania, dall'associazione Codacons:  "La diminuzione è irrilevante: tra il 1994 e il 2013, l'RcAuto ha subito nel nostro paese rincari pari al +250%, portando gli automobilisti italiani ad essere i più tartassati d'Europa".

Pubblicato in News

Secondo alcune associazioni chi le accetta rischia di non poter beneficiare della legge Bersani. Ivass: "Stiamo verificando"

Una polizza Rc auto in omaggio per un anno. E' lo slogan della maggior parte di concessionarie e case automobilistiche che, in tempi di crisi, attraggono possibili clienti con offerte sempre più allettanti. Dodici mesi senza tirare fuori il portafogli, ma poi? A quanto risulta da alcune testimonianze, raccolte dall'Adnkronos, l'anno gratuito può costare caro. C'è il rischio che in molti casi si perda l'agevolazione, prevista dalla legge Bersani, che permette di 'usare' la classe di merito di un familiare con la stessa residenza.

E' il caso di Giacomo, neopatentato, con la prima macchina rossa fiammante in arrivo, regalo della promozione, nuovissima e con la Rc auto gratis per i successivi dodici mesi. "E' la seconda quattroruote in famiglia" racconta il padre che da anni non ha un incidente ed è in prima classe. "Sapevo che per la legge Bersani mio figlio poteva 'ereditarla' e, quindi, non mi sono preoccupato. Ma quando sono andato dal mio agente ho fatto una brutta scoperta. Passato un anno, quello gratuito, non si potrà più usufruire dell'agevolazione perché valida solo alla prima assicurazione dall'acquisto". Risultato? Il prezzo da pagare è quintuplicato. Una bella 'batosta' per tutto il nucleo familiare.

Ipotesi confermata dalla stessa Associazione Nazionale Imprese Assicurative. "Al termine dei dodici mesi di durata del contratto gratuito il ragazzo, in base a quanto previsto dalla legge Bersani, a nostro avviso non potrebbe più 'ereditare' la classe di merito

del padre" spiegano dalla Direzione Auto dell'Ania.

"Il ragazzo potrebbe beneficiare della classe di merito del padre soltanto al momento in cui acquista la macchina (nuova o usata) e stipula il primo contratto gratuito come proprietario di questa macchina, sempre che il contratto 'gratis' preveda la tariffa bonus malus - spiega l'Ania -. Al termine dell'anno di copertura gratuita, invece, non è più applicabile la legge Bersani appunto perché il ragazzo sta assicurando per la seconda volta una macchina già di sua proprietà".

Caso diverso, ma con un epilogo simile, quello segnalato dalla coppia partenopea Rosaria, classe 1950, e Gianni, 71 anni, da sempre in prima. "Mia moglie ha comprato una macchina nuova - dice - siamo stati ben felici dei tre anni di Rc auto gratis. Della legge Bersani non sapevo nulla, non credevo che potesse 'ereditare' la mia prima, ma ha avuto anche un altro problema". Scaduti i trentasei mesi, Rosaria e Gianni sono andati dall'assicuratore che "gli ha dato la brutta notizia". "La signora va in quattordicesima, i tre anni gratuiti non valgono nel conteggio" ci ha detto.

"Succede perché manca la storia assicurativa", dice il presidente di Konsumer, Fabrizio Premuti, e rischi di dover "ripartire dalla diciottesima perché la Rc auto è finita in un brogliaccio come tanti".
"Quello è un libro matricola, aperto dalla concessionaria, in cui vengono annotate le targhe delle auto che vengono vendute. Il proprietario vero, cioè quello che guida, non ha la polizza, intestata a lui, ma sta circolando con un brogliaccio, dove sono riportate tante targhe. Quindi il certificato assicurativo ce l'ha il concessionario, ma non è relativo al singolo veicolo, ma relativo al libro matricola".

Un gran numero di cittadini si sono rivolti ai nostri uffici sul territorio con questo problema. "Quello che non viene detto con chiarezza - denuncia Premuti - è che si viene inseriti in una polizza collettiva con franchigia, quindi con una partecipazione economica dell'assicurato in caso di incidente che può essere di duecentocinquanta euro come cinquecento". Farsi regalare la Rc auto? "No, meglio chiedere uno sconto" suggerisce Premuti.

Sul piede di guerra anche gli assicuratori stessi che si trovano 'con le mani legate'. "La legge è chiara - spiega un agente della capitale - certo non è piacevole vedere il cliente che esce arrabbiato dall'ufficio. Mica gli posso dire: facevi meglio a non accettare e a chiedere uno sconto". "La Bersani si può applicare solo in fase di voltura o di nuova immatricolazione ormai qui il danno è fatto - replica un suo collega, spingendosi fino a sostenere che i clienti "dovrebbero fare una richiesta danni a chi gli ha fornito l'assicurazione".

La questione è all'attenzione dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni. "Stiamo esaminando le caratteristiche e le modalità di presentazione ai consumatori di questo tipo di polizze Rc auto offerte in omaggio dai concessionari di auto - spiegano all'Adnkronos dall'Ivass - per verificare le conseguenze che possono derivare al consumatore dall'offerta di polizze di tale tipologia e se il consumatore sia adeguatamente informato, al momento dell'acquisto del veicolo, sulla copertura assicurativa che gli viene offerta. Il consiglio per i consumatori è comunque quello di leggere con attenzione le condizioni del contratto Rc auto che viene loro proposto".

Se sull'argomento la Federauto, l'associazione che riunisce i concessionari presenti sul territorio, ritiene di "non dover intervenire", un rivenditore della capitale ha deciso di "dire no, non ci sto". "Per non vedere il cliente tornare, dopo un anno, imprecando - ha raccontato il titolare che vuole rimanere anonimo, "niente nome, per carità" - ho preferito evitare di proporre l'omaggio. Ho fatto, diciamo così, obiezione di coscienza".

Pubblicato in News
Giovedì, 12 Febbraio 2015 07:27

#megliolapolizzaoggi

La polizza è il documento su cui viene redatto un contratto di assicurazione e, per estensione, il contratto di assicurazione stesso. La polizza è, in tutto e per tutto, una scommessa.

Un soggetto, l'assicurato, trasferisce il rischio a un altro soggetto, l'assicurazione, che, in cambio, riceve un "premio". Dal pagamento del premio in poi, l'assicurato non sta più correndo il rischio, è sollevato da quella responsabilità, non dovrà più far fronte, da solo, alle conseguenze di quella situazione.

Correndo il rischio di far saltare sulla sedia qualche esperto di diritto, si può paragonare la situazione dell'assicurato, limitatamente al rischio per cui ha sottoscritto la polizza, a quella del bambino/minore, che non ha responsabilità, perché la rimette ai suoi genitori. 

Mammina, il mio "amico" mi è caduto il giocattolo e si è rotto! - 
Ecco qui, te ne ho comprato uno uguale. -

Un soggetto assicurato per tutti i rischi, passati, presenti e futuri, è libero di tornare bambino e vivere senza ansia e paura.

#megliolapolizzaoggi nasce allo scopo di mostrare che l'assicurazione non è solo esborso economico, ma ha un valore sociale, perché è meglio rimettere i propri rischi, prima che si verifichino. E' meglio per se stessi, per la propria famiglia e, in generale, per la collettività!

 

FONTE: http://megliolapolizzaoggi.blogspot.it/

Pubblicato in News

Nel 2016 entrerà in vigore, per il settore assicurativo, la nuova normativa Solvency II.

Si tratta di una sorta di governance, ovvero un insieme di regole alle quali le compagnie si devono attenere nell'ambito della loro attività, per la gestione dei rischi e la tutela del proprio patrimonio e della solvibilità.

Se n'è parlato a Milano, nell'ambito di un convegno organizzato all'Università Cattolica dal giornale delle Assicurazoni. Dario Focarelli, direttore generale dell'Ania, l'associazione nazionale che raggruppa le imprese assicuratrici: "Certamente c'è una maggiore attenzione alla gestione dei rischi, alla loro valutazione, al loro prezzo e quindi è una risistematizzazione del modo di operare delle compagnie d'assicurazione".

"Le modalità di valutazione sono molto più strutturate di quelle che erano prima e questa cosa qui ha un effetto indiretto sui prezzi, sulle coperture e sul modo in cui gli assicuratori si rivolgono ai clienti". Secondo le stime dell'Ania, nonostante la crisi e il generale clima di sfiducia da parte dei consumatori italiani, nel 2014 il comparto delle assicurazioni sulla vita ha registrato un incremento, rispetto all'anno precedente, di circa il 30% per un valore totale di 110 miliardi di euro.

"Il primo motivo - ha spiegato Focarelli - è che, con la riduzione dei tassi d'interesse sui titoli di Stato, le compagnie d'assicurazione, che continuano a garantire un rendimento significativo, sono diventate più attraenti del passato. Il secondo motivo, invece, è che la loro capacità di dare un risultato certo, o comunque stabile nel tempo, è importante quando i mercati finanziari hanno una forte volatilità".

Tra i temi toccati anche le modalità con lui le assicurazioni italiane stanno contribuendo ad allentare i vincoli al credito che gravano sulle piccole e medie imprese. Secondo un'indagine svolta dall'Ania, in collaborazione con il Cerved, sul rapporto tra coperture assicurative e tasso di fallimento delle Pmi, su un campione di 537mila imprese con meno di 250 dipendenti, a un'estensione delle garanzie assicurative corrisponderebbe sempre un ridotto rischio di credito, soprattutto in settori come edilizia e manifatturiero, un po' meno nel commercio e nei trasporti.

Pubblicato in News

L'IVASS, l'istituto di Vigilanza italiano sulle assicurazioni, non solo tutela il cittadino in prima persona, ma lo aiuta anche a tutelarsi da solo. Infatti nel suo portale sull'educazione assicurativa sono presenti una serie di manuali da scaricare, stampare e leggere, tra qui l'interessante "Le polizze connesse ai mutui e ai finanziamenti".

Spesso il binomio polizza-mutuo/finanziamento, rappresenta un'incognita per chi ne deve stipulare uno. Infatti le Payment Protection Insurance sono nate con lo scopo di proteggere il consumatore nel caso avvenga un evento che gli impedisca di continuare a pagare. Certo, protezione per il consumatore ma soprattutto per le banche, che vedono così tutelati i propri investimenti. E' necessario quindi capire bene perchè accollarsi un'ulterire spesa, oltre a quella già pesante del mutuo.

Comunque questo interessante manuale è diviso in 3 parti. Nella prima si spiega in maniera molto chiara cosa sono le polizze legate a mutui e finanziamenti, a cosa servono, che ne esistono sia di collettive che di individuali e quali aspetti è meglio valutare prima di stipularne una. Vengono poi trattati i casi specifici di polizze che proteggono da infortuni, malattie, caso morte e perdita del lavoro.

Nella seconda parte invece si spiega cosa è necessario fare prima di stipulare una di queste polizze. Dovete quindi controllare che il prodotto sia adeguato a ciò che state cercando, controllare i documenti contrattuali, cosa dovete fare se c'è un sinistro, per avere un indennizzo o se si estingue anticipatamente il mutuo.

C'è infine un'utile sezione che spiega come poter presentare un reclamo in caso di necessità ed un mini glossario con tutti i termini più utilizzati.

Si tratta di uno strumento davvero utile, per chi decide di stipulare un mutuo o chiedere un finanziamento, e nella stessa sezione è possibile trovare altri manuali dedicati alle assicurazioni della responsabilità civile, alle assicurazioni r.c. auto e alle assicurazioni vita, solo per citarne alcuni.

Conoscere è sempre il miglior metodo di difesa: soprattutto in campo assicurativo!

Pubblicato in News

Ancora oggi sono tantissime le vetture che circolano in Italia senza assicurazione. Il 5 per cento dei veicoli che circolano sulle strade non sono in regola.

Ancora oggi sono tantissime le vetture che circolano in Italia senza assicurazione, oltre 3 milioni e 800 mila. Non parliamo del fatto che non hanno il contrassegno di solito posto sul parabrezza, ma proprio non sono registrate e quindi assicurate per la circolazione su strada.

I dati che si leggono indicano che nelle nostre strade il 5 per cento dei veicoli che circolano non sono in regola con la copertura assicurativa.

Effettivamente questo dato è sconcertante se si pensa al pericolo che questi automobilisti potrebbero creare non solo a loro ma all’intera società civile.

Non stiamo parlando di pochi veicoli, ma da quanto è emerso dai controlli effettuati, in un unico giorno, da Nord a Sud Italia dalla Polizia stradale. E proprio nel sud del Paese la drammatica percentuale raddoppiata raggiungendo e superando, in alcune province, il 10%.

Qui l’educazione civica e la legalità non hanno certamente trasmesso il giusto sapere, i numeri indicano che in Italia circolano su strada circa 4 milioni di veicoli non assicurati. Se si vuole parlare in % sappiamo che ci aggiriamo intorno al 7-8% del totale degli automezzi; con punte di 11,9% al sud del Paese.

Ma la domanda che molti si pongono è cosa rischiano tutti quegli automobilisti trovati con un veicolo non assicurato?

Il codice della strada all’articolo 193 stabilisce che i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi.

Lo stesso dettato normativo, ha previsto l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di € 848,00, oltre alla sanzione accessoria di cui all’articolo 13, terzo comma, della Legge 24 novembre 1981, n. 689, che impone all’organo accertatore di ordinare l’immediata circolazione sulla strada del veicolo e che il veicolo stesso sia in ogni caso prelevato, trasportato e depositato in luogo non soggetto a pubblico passaggio, individuato in via ordinaria dall’organo accertatore o, in caso di particolari condizioni, concordato con il trasgressore.

Quando l’interessato effettua il pagamento della sanzione, corrisponde il premio di assicurazione per almeno sei mesi e garantisce il pagamento delle spese di prelievo, trasporto e custodia del veicolo sottoposto a sequestro, l’organo di polizia che ha accertato la violazione dispone la restituzione del veicolo all’avente diritto, dandone comunicazione al prefetto.

È opportuno precisare che si può essere soggetti a sanzione amministrativa anche non circolando con un veicolo scoperta da assicurazione. Un veicolo parcheggiato in strada o in un’area pubblica, senza regolare contrassegno o scaduto, può essere soggetto a contravvenzione. Il soggetto che, per diverse motivazioni, non intende rinnovare la polizza al proprio veicolo deve parcheggiarlo in zone private, non aperte alla pubblica circolazione.

Una domanda che spesso viene posta è nel caso di incidente con veicolo non assicurato che cosa occorre fare?

In caso che un cittadino utente sia coinvolta in un sinistro stradale e la controparte non ha provveduto alla stipula del contratto assicurativo, quindi di fatto siamo in presenza di un veicolo non assicurato, si può ugualmente ottenere un risarcimento, ovviamente in assenza di propria colpa e/o responsabilità.

In casi analoghi interviene il Fondo di Garanzia per le Vittime della Strada (istituito con legge del 1969 e oggi amministrato dalla Consap. Il Fondo è alimentato da una quota % (il 2,5%) sui premi pagati dagli automobilisti alle assicurazioni per le polizze assicurative.

È bene chiarire che il Fondo interviene proprio nei casi di sinistri che coinvolgono veicoli non identificati, oppure non assicurati o ancora assicurati con imprese poste in liquidazione coatta amministrativa.

Lo stesso istituto prevede pure la possibilità che il veicolo sia posto in circolazione contro la volontà del proprietario o dell’obbligato solidale e pure per il caso di veicoli esteri con targa non corrispondente.

Le persone rimaste danneggiate hanno l’obbligo di inoltrare richiesta, con apposito modulo di risarcimento danni, con raccomandata A.R alla Consap e all’impresa assicuratrice competente per il luogo dove è avvenuto l’incidente.

Per consultare l’elenco delle compagnie designate si deve accedere al sito della Consap.

Circostanza da tenere in considerazione è che, in tali casi, è previsto un massimale di legge attualmente pari a 2,5 milioni di euro per i danni alle persone e 500.000 euro per quelli alle cose. Nel caso in cui vi siano vittime, a seguito del sinistro, la procedura potrà essere avviata dai familiari/eredi della vittima con le stesse modalità.

Il Fondo, dopo aver valutato la richiesta, che deve essere avvalorata da apposite perizie e dalle dichiarazioni dell’organo di polizia stradale intervenuto per i rilievi di rito, da cui si rilevano i danni, l’identità delle persone coinvolte e delle cose, nonché la località ove si è verificato il sinistro stradale in questione.

Questo induce che è bene soffermarsi a pensare sulle altre conseguenze, ancora peggiori, alle quali si può incorrere se si omette di pagare il contratto assicurativo per la Responsabilità Civile del veicolo, senza contare le implicazioni civili e penali che potrebbero essere insormontabili in caso di incidente.

Assicurate i vostri veicoli, per la vostra e l’altrui tranquillità!

Pubblicato in News

Libera Mente, già riconosciuto come uno dei migliori prodotti assicurativi del mercato, si arricchisce introducendo nuove garanzie e strumenti per proteggere le famiglie dai gravi imprevisti

MetLife, Compagnia leader a livello mondiale nell’offerta di prodotti assicurativilancia sul mercato Libera Mente Più, la nuova polizza Temporanea Caso Morte (TCM) studiata per tutelare lo stile di vita della famiglia.

Libera Mente Più è una polizza che assicura un capitale costante fino a 1 milione e mezzo di Euro in caso di decesso e che permette di integrare la copertura con numerose nuove opzioni, oltre alla già disponibile invalidità permanente totale. Libera Mente Più, infatti, nasce dall’evoluzione del precedente Libera Mente, prodotto già pluripremiato dai professionisti del settore e riconosciuto come una delle migliori TCM del mercato per semplicità e convenienza. MetLife ha confermato le tariffe convenienti e le modalità assuntive del prodotto base arricchendolo di nuove garanzie opzionali che rendono la polizza più completa e personalizzata per incontrare le esigenze dei clienti.

In particolare la nuova polizza offre l’opportunità di raddoppiare il capitale se il decesso è causato da un infortunio e, ancora, di raddoppiarlo o di triplicarlo in caso sia causato da un incidente stradale offrendo la possibilità di adattare il prodotto alle proprie abitudini di vita. Inoltre, Libera Mente Più prevede che in caso di invalidità permanente totale il cliente sia esonerato dal pagamento dei premi per il rischio di decesso, rimanendo così protetto gratuitamente per il resto della durata della polizza.

Libera Mente Più permette di creare pacchetti personalizzati in base alle caratteristiche familiari e professionali del cliente che desidera assicurarsi, permettendo di aumentare il livello di sicurezza offerto alla famiglia secondo le esigenze e le capacità di spesa.

Ad esempio è possibile assicurare un giovane quarantenne che usa molto l’auto per lavoro per una durata di 20 anni con soli 28 euro al mese e garantendogli un capitale fino a 300.000 euro in caso di decesso dovuto a un incidente stradale, oltre alle garanzie decesso da ogni causa e decesso da infortunio generico. La polizza, inoltre, diverrebbe gratuita in caso di invalidità grave dell’assicurato.

Tale polizza, in assenza di problemi di salute dell’assicurato, può essere emessa direttamente dall’intermediario grazie alle modalità assuntive snelle del prodotto che ne rendono semplice e immediata la gestione, senza necessità di attesa o di documentazione medica.

Pubblicato in News

C'è un progetto per abolire il traghettamento ferroviario nello Stretto di Messina? Però parte l'alta velocità ferroviaria nell'Isola.

Le prove generali del traghettamento a piedi fra le due sponde calabresi e siciliane erano state effettuate a Pasqua 2009, e dopo circa sei anni si ripresenta per i Siciliani lo spettro del definitivo traghettamento dei treni da e per il nord.

Ritenevamo che il problema a distanza di tempo fosse rientrato ed invece no, si ripresenta in maniera molto più grave con il definitivo smantellamento della continuità territoriale. Smantellamento che non tiene conto ne dei servizi che devono essere assicurati ai cinque milioni di Siciliani ne delle cinquecento famiglie che vedranno scomparire le risorse finanziarie per il loro sostentamento, tenuto conto che c'è ancora aperta la questione degli ex dipendenti Ferrotel.

C'è un progetto per abolire i traghetti Fs? Siamo convinti di si!

Con un tempismo da record, mentre sono ancora in dubbio le sorti del traghettamento, il 23 gennaio alla Kore di Enna si teneva il tavolo tecnico per la presentazione della mega opera della Palermo-Catania che nel Contratto di programma 2012-2016 ha solo 829 milioni di finanziamento. Tre stranezze. La prima:- quest'opera non ha tutte le coperture finanziare per l'intero percorso. La seconda:- quest'opera fa parte del cosiddetto Corridoio "Scandinavia-Mediterraneo" della Rete Trans-Europea di trasporto ferroviario e non è immaginabile pensare di chiudere lo Stretto al traghettamento dei treni. La terza:-che con la somma complessiva del finanziamento previsto per la realizzazione della sola Palermo-Catania (5.757 milioni) si potrebbero raddoppiare e velocizzare la Pa-Me (Castelbuono-Patti), la Me-Ct (Giampilieri-Fiumefreddo), la Catania Acquicella-Siracusa, la velocizzazione della Siracusa-Ragusa-Gela-Calatnissetta e per ultimo la velocizzazione della Trapani-Palermo.

Ma si continua a parlare solo ed esclusivamente della Palermo-Messina-Catania con un costo totale nel Contratto di programma 2012-2016 di 8.613 milioni di euro ma al momento le uniche e sole risorse previste sono 829 milioni di euro.

Ritornando sulle problematiche della dismissione del progetto di traghettamento, in pochi hanno il coraggio di prendere posizione nei confronti di un governo che sta finendo di affossare la Sicilia da tutti i punti di vista. Si ha la sensazione che il governo e RFI non giochino a carte scoperte, di certo un piano per la smobilitazione dello Stretto c’è, ma dipenderà di sicuro dalle prese di posizione dei governatori di Calabria e Sicilia, i quali assieme dovranno far sentire i loro bisogni di mobilità costringendo il governo a far mantenere il rispetto della continuità territoriale ferroviaria sullo Stretto.

Il nodo sta tutto qui e nei “Corridoi Europei della Rete TEN”.

Pubblicato in News
Lunedì, 02 Febbraio 2015 07:00

Polizze dalla culla alla laurea

La telefonata dell'agente assicurativo si riceve di solito qualche giorno dopo essere usciti dalla sala parto. Non si sa bene come, appena arriva la cicogna si palesa anche una proposta di contratto assicurativo. Spesso a fornire i dati, a dispetto della privacy, sono gli stessi soggetti con cui si entra in contatto per mettere al mondo un figlio (negozi per il corredo, ospedale, ginecologi). Presi dall'euforia e dall'istinto di protezione i neo genitori firmerebbero qualsiasi contratto pur di mettere al riparo l'inerme creatura venuta al mondo. Ma se si vuole fare il bene dei propri pargoli e non solo quello degli intermediari che propongono il contratto è bene dare un occhio ai costi e alle condizioni e cercare la soluzione più idonea alla propria famiglia.

Il personale assicurativo grazie all'esperienza può aiutare, ma talvolta si limita a proporre piani di risparmio per i nuovi nati, senza fare una pianificazione delle reali esigenze di protezione. Il tipo di contratto più indicato per padri e madri, dipende dalla situazione familiare. Se si mette al mondo un figlio la prima cosa da fare è proteggerlo da una prematura scomparsa di uno o di entrambi i genitori. Di solito si punta a tutelare il capitale umano di chi lavora. In particolare quindi è indicata una polizza temporanea caso morte che copra magari anche dal rischio invalidità il capofamiglia. L'importo del capitale assicurato e di conseguenza il premio annuale, può variare in base al reddito e all'esposizione debitoria della famiglia: con un mutuo da pagare ogni mese è chiaro che bisogna aumentare l'investimento nella polizza vita per incrementare la protezione globale. La durata va scelta in base alla data prevista per l'emancipazione reddituale dei ragazzi e considerando, se esiste un mutuo, la fine del piano di ammortamento. In ogni caso è consigliabile arrivare con la protezione almeno fino alla maggiore età, ma il suggerimento è di proseguire fino a 25-30 anni. Ora esistono anche soluzioni annuali con stipula e contrattazione del premio anno per anno. Queste consentono dei risparmi sui primi versamenti ma con l'aumento dell'età del genitore assicurato aumenta anche il premio e quindi quello che si risparmia prima lo si paga dopo. Inoltre se dovessero nel frattempo insorgere delle malattie degenerative si potrebbe persino diventare non più assicurabili.

Sono molto più utili questi contratti protettivi rispetto ai classici investimenti assicurativi di risparmio che si possono comunque effettuare a patto che i costi non superino i benefici. L'investimento di piccole cifre rateali è spesso molto più costoso rispetto a investimenti spot in unica soluzione effettuati magari annualmente incrementando un contratto tradizionale che prevede versamenti aggiuntivi. Se si sta cercando uno strumento efficiente è meglio rivolgersi alle compagnie che operano tramite internet (anche se sul Vita sono ancora poche). L'indicatore da guardare nel caso delle polizze rivalutabili o delle unit linked (che espongono a maggiori rischi e non hanno la garanzia prevista dalle Ramo I) è il costo percentuale medio annuo trattenuto dalle compagnie che va indicato nella nota informativa.

Il settore assicurativo si sta evolvendo con polizze intelligenti che consentono di partecipare a programmi di protezione della propria salute con esami gratuiti e sconti a chi ha uno stile di vita sano. Anche questo è un modo importante di aiutare i propri figli. È il caso di iLife, una polizza temporanea caso morte con possibilità di avere una maggiorazione del capitale assicurato in caso di decesso per infortunio o incidente stradale e di avere un capitale anche in caso di invalidità grave, che permette anche di controllare il proprio stato di salute. Gli assicurati iLife, attraverso il Care Program, potranno sottoporsi subito ad un check up gratuito presso un centro convenzionato e questo comporterà uno sconto immediato del 10% sul premio e un ulteriore 10% extra qualora l'esito del check up risulti particolarmente positivo.

Il programma di prevenzione prevede gli esami gratuiti ogni due anni, per consentire all'assicurato di verificare regolarmente il suo stato di salute. Per mantenere lo sconto, per tutta la durata del contratto, sarà sufficiente seguire il programma. L'iniziativa prevede inoltre un bonus life: ogni 10 anni di polizza, un anno non si paga e soprattutto un'altra novità per il mercato italiano ossia l'instant benefit: in caso di decesso un anticipo ai beneficiari vengono anticipati fino a 10mila euro per le spese impreviste. Inoltre per evitare un problema molto ricorrente delle polizze vita dimenticate nel cassetto e sconosciute ai beneficiari Generali ha attivato un il contact plan, un servizio che contatta immediatamente i beneficiari per la liquidazione del capitale.

L'importanza della protezione famigliare a 360 gradi ha spinto alcune compagnie a lanciare inoltre dei programmi a pacchetto in base alle esigenze che cambiano nel tempo. Il senso è che la protezione assicurativa deve essere personalizzata e modificata nel tempo: è il caso di Allianz 1 iniziativa che consente di abbonarsi, un po' come a Sky o alla palestra, a un pacchetto assicurativo che varia in base all'esigenze delle famiglie. In sostanza si paga un fisso mensile per coprirsi da tutti gli inconvenienti che possono capitare quando si è genitori, piuttosto che single.

Pubblicato in News
Pagina 1 di 2

I più Letti

AGENZIA DI ASS.NI DI PIRROTTA S. & C. SAS Agenzia: Milano Assicurazioni CATANIA - VIA AMMIRAGLIO CARACCIOLO 108/C Tel. 095/362420 - Fax. 0957314362 AIELLO GIUSEPPE/PELLEGRINO ALFREDO/TREPI Agenzia: Fondiaria-Sai CATANIA - C.So Italia 72 Tel. 0957463642 - Fax. 0957462336 Armando GISABELLA …
UniBroker lancia la nuova campagna di comunicazione #ForzaCataniaRipartiConNoi. L'obiettivo è quello di sensibilizzare gli automobilisti Catanesi sul tema della protezione, pubblicizzando prodotti innovativi per la copertura della responsabilità civile auto che permettono di risparmiare fino al 50% e beneficiare di…
Come per le normali auto, anche per quelle noleggiate occorre stipulare un'assicurazione presso l'autonoleggio. Vediamo nel dettaglio come funzionano. L'assicurazione auto è obbligatoria per legge già da diversi anni ed è anche una delle voci più dispendiose tra le spese…



Su questo sito usiamo i cookies. Navigando accetti.